Vividown e il processo a Google - Volontariato - Documenti - Articoli - Saggi / Documents - Articles - Essays
License - Creative Commons
Creative Commons License
Il contenuto di questo sito, se non diversamente specificato, è pubblicato sotto una / The content of this site, if not otherwise stated, is published under a Licenza Creative Commons / Creative Commons License - Attribution - Share alike. CC doesn't necessarily apply to external content incorporated into the site, e.g. RSS feeds.
Login
Username:

Password:

Remember me



Lost Password?

Register now!
Themes

(5 themes)

Vividown e il processo a Google

Published by beppe on 04-Feb-2009 21:30 (561 reads)

In questi giorni ? iniziato a Milano il processo contro alcuni dirigenti di Google per l'episodio, avvenuto nel 2006, di alcuni ragazzi che avevano postato su Google Video (un servizio ora chiuso simile a YouTube) un filmato che riprendeva le loro angherie contro un compagno down. Dopo aver ricevuto segnalazione del fatto, Google rimosse il video, e gli autori furono individuati e puniti, ma fu avviato un procedimento penale contro i responsabili di Google che, secondo l'accusa, avrebbero dovuto vigilare preventivamente per impedire la diffusione di quel filmato.

Al processo si sono costituiti parte civile il Comune di Milano e l'associazione ViviDown.


Qual ? il problema con questo processo? Che l'assunto dell'accusa ? che chi gestisce un servizio internet pubblico di pubblicazione e condivisione di contenuti non sia un semplice intermediario, ma sia anche responsabile dei contenuti stessi, analogamente a quanto succede per il direttore di un periodico rispetto agli articoli che pubblica.


L'assimilazione di servizi informativi basati sul web ai tradizionali organi di stampa non ? nuova e, quando non deriva semplicemente da ignoranza, ha immancabilmente intenti repressivi. Nel caso che ci interessa, ? chiaro che per una infrastruttura in cui un pubblico mondiale pu? inserire contenuti e quindi gestisce milioni di video, non ? pensabile anche solo dal punto di vista pratico che il gestore dell'infrastruttura analizzi preventivamente tutti i contenuti (lo stesso vale per quei siti, come il nostro, che permettono a terzi di introdurre contenuti, e ne hanno molto meno di YouTube ma anche anche meno mezzi per analizzarli), oltre al fatto che il ruolo di quel servizio ? palesemente quello di intermediario e non di produttore di contenuti. Google Video e YouTube non sono pubblicazioni unitarie come lo ? un periodico.


Attribuire agli intermediari responsabilit? che sono dei produttori di contenuti serve a una cosa: a impaurirli in modo che mettano in atto una censura sui contenuti, oppure - se sono piccoli - che spariscano non potendo correre il rischio di cause e richieste di danni.


Ci? riguarda anche siti i siti del volontariato, i siti "dal basso" come il nostro: e ViviDown, che ha un suo sito, non ha pensato che un giorno potrebbe essa stessa ricadere nelle maglie della censura strisciante che, costituendosi parte civile contro Google, contribuisce a promuovere?


Un ottimo commento alla vicenda ? quello di Dario Meoli su ZeusNews.


Navigate through the articles
Cos'è il volontariato dei diritti Next article
Rating 0/5
Rating: 0/5 (0 votes)
Votes are disable!
The comments are owned by the author. We aren't responsible for their content.
FREE SOFTWARE

WE SUPPORT FREE SOFTWARE. THIS SITE IS FULLY BASED UPON FREE SOFTWARE (Linux, PHP, MySQL, Xoops and so on)

Counter since march 7th, 2008
Today : 17
Yesterday : 42
Total : 137256
Average : 31