Report: Santuario Madonna Pellegrina, Acqui Terme (aggiornamento novembre 2011) - Accessibilità e barriere > Report > Acqui Terme - Documenti - Articoli - Saggi / Documents - Articles - Essays
License - Creative Commons
Creative Commons License
Il contenuto di questo sito, se non diversamente specificato, è pubblicato sotto una / The content of this site, if not otherwise stated, is published under a Licenza Creative Commons / Creative Commons License - Attribution - Share alike. CC doesn't necessarily apply to external content incorporated into the site, e.g. RSS feeds.
Login
Username:

Password:

Remember me



Lost Password?

Register now!
Themes

(5 themes)
Documenti - Articoli - Saggi / Documents - Articles - Essays > Accessibilità e barriere > Report > Acqui Terme > Report: Santuario Madonna Pellegrina, Acqui Terme (aggiornamento novembre 2011)

Report: Santuario Madonna Pellegrina, Acqui Terme (aggiornamento novembre 2011)

Published by beppe on 14-Nov-2011 21:30 (3081 reads)

(luglio 2009)


Il Santuario della Madonna Pellegrina consacrato nel 1958, che � una delle quattro parrocchie della citt�, si trova ad Acqui Terme in Corso Bagni, e fu progettato negli anni '50 senza il minimo riguardo all'accessibilit�: da questo punto di vista � anzi una delle strutture peggiori che sia dato trovare.


Da Corso Bagni infatti si arriva sul sagrato attraverso uno scalone di tre rampe, con varie decine di gradini, e una volta l� ci sono ancora alcuni altri gradini sia per entrare in chiesa, sia per arrivare alla parte posteriore dove c'� l'accesso ai locali parrocchiali usati per catechismo e riunioni e il campo da calcio. L'entrata della canonica � invece al livello del sagrato.


L'unico modo per evitare lo scalone � passare dalla parte posteriore (Via Chiabrera), che per� non � la zona in cui abita la maggior parte dei fedeli, per cui coloro che abitano dalla parte di Corso Bagni, Via Moriondo, Via Trieste devono fare un percorso molto pi� lungo (Via Alfieri e Via Romita). Posto che vogliano e possano fare questo percorso, arrivano s� a fianco della chiesa, ma quest'area � pi� in alto rispetto alla chiesta stessa, l'accesso alla quale avviene tramite una scaletta in discesa, dopo la quale, all'entrata della chiesa vera e propria, c'� ancora un gradino.


Alcuni anni fa l'allora parroco Can. Gaino fece costruire una rampa in questo accesso laterale, sfruttando la notevole larghezza della scala. Questa rampa � piuttosto ripida, a causa del limitato spazio (crearne una meno ripida avrebbe comportato un lavoro di ristrutturazione molto pi� pesante e forse neppure possibile considerata la posizione dell'edificio e la presenza del passaggio laterale, e comunque certamente molto costoso), ma � comunque meglio della scala, anche se non molti di coloro che circolano in carrozzella sarebbero in grado di percorrerla da soli. Nel pianerottolo in cui termina la scala, che si trova davanti alla porta che immette in chiesa, la parte in corrispondenza della rampa risulta ora un poco pi� rialzata della vecchia parte corrispondente alla scala: sarebbe meglio portare tutto allo stesso livello per facilitare la manovra con una carrozzina.


Ai primi di gennaio 2009 il parroco don Mario Bogliolo ha fatto installare una rampa, di ottima fattura e dotata anche di corrimano, in corrispondenza del gradino che immette in chiesa, che quindi � ora adeguatamente accessibile. Poco dopo analoga rampa � stata installata anche lato sacrestia


Come ben si comprende, la buona volont� dei parroci fatica a risolvere i problemi derivanti da una progettazione completamente errata.


In particolare:



  • l'accesso ai locali parrocchiali avviene dalla parte posteriore della chiesa con una scala discendente piuttosto lunga e ripida, poich� tali locali si trovano sotto il livello stradale: renderli accessibili comporterebbe installare un ascensore o creare una rampa lunghissima, che non si vede bene dove potrebbe trovare posto

  • la rampa laterale rimane piuttosto ripida, mentre la sistemazione del pianerottolo non comporta particolari problemi

  • l'allungamento del percorso derivante dall'uso dell'accesso laterale non � risolvibile se non spostando la chiesa (!!!), mentre non vedo come si potrebbe rendere accessibile il lato su Corso Bagni se non costruendo un ascensore, operazione evidentemente non semplice e molto costosa

  • non � accessibile neppure la cappella posta al livello di Corso Bagni, perch� l'ingresso avviene attraverso due gradini neanche molto bassi; in questo caso per� mi pare possibile costruire senza troppa difficolt� una rampa di pendenza adeguata, poich� lo spazio in Corso Bagni � molto ampio; la rampa andrebbe costruita parallelamente al muro e poich� la cappella ha due ingressi si potrebbe sceglierla se realizzarla lato giardinetti (verso il centro) o lato muro ex Borma (verso i Bagni). Comunque tra il giugno e il luglio 2009 sono stati effettuati lavori di ristrutturazione alla cappella, che per� non hanno incluso la costruzione di una rampa.



Aggiornamento novembre 2011



Nel novembre 2011 è stata costruita (dal Comune di Acqui che peraltro qualche barriera ancora da eliminare ce l'avrebbe anche in casa propria) una rampa metallica che rende accessibile la cappella di Corso Bagni. La rampa è costruita molto bene, l'unica osservazione che si può fare è che sarebbe stato meglio ancora mantenere, da un lato, l'accesso tramite i gradini, che per chi non è in carrozzella può essere migliore della rampa (si pensi ad esempio a quando c'è il ghiaccio).


Files linked to this article
File name Published on Hits
Download this file Mare per tutti
Una spiaggia accessibile a Santa Margherita Ligure
04/14/2011 173

Navigate through the articles
Previous article Report: Ascensore all'Ospedale di Acqui
Rating 0/5
Rating: 0/5 (0 votes)
Votes are disable!
The comments are owned by the author. We aren't responsible for their content.
FREE SOFTWARE

WE SUPPORT FREE SOFTWARE. THIS SITE IS FULLY BASED UPON FREE SOFTWARE (Linux, PHP, MySQL, Xoops and so on)

Counter since march 7th, 2008
Today : 27
Yesterday : 39
Total : 135849
Average : 31