Vent'anni fa una grande iniziativa del GVA sulle barriere - Accessibilità e barriere - Documenti - Articoli - Saggi / Documents - Articles - Essays
License - Creative Commons
Creative Commons License
Il contenuto di questo sito, se non diversamente specificato, è pubblicato sotto una / The content of this site, if not otherwise stated, is published under a Licenza Creative Commons / Creative Commons License - Attribution - Share alike. CC doesn't necessarily apply to external content incorporated into the site, e.g. RSS feeds.
Login
Username:

Password:

Remember me



Lost Password?

Register now!
Themes

(5 themes)
Documenti - Articoli - Saggi / Documents - Articles - Essays > Accessibilità e barriere > Vent'anni fa una grande iniziativa del GVA sulle barriere

Vent'anni fa una grande iniziativa del GVA sulle barriere

Published by beppe on 24-Jun-2009 21:30 (613 reads)

Domenica 25 giugno 1989 si inaugurava la prima mostra fotografica sulle barriere architettoniche ad Acqui, organizzata dal GVA: si trovava sotto i portici delle Terme, in Corso Bagni, e mostrava come pressoch? tutti i luoghi e le strutture pi? importanti di Acqui fossero inaccessibili ai disabili, in carrozzella e non solo, e alla maggior parte delle persone con difficolt? di deambulazione.

Le barriere non mancano neanche adesso, ma allora erano molto di pi?, ed era molto minore la consapevolezza del problema da parte delle istituzioni, dei progettisti e dei cittadini (tranne quelli che non riuscivano a camminare), per cui l'impatto e la novit? dell'iniziativa del GVA erano molto maggiori di quello che oggi potrebbe apparire.

Ma alla mostra, che fu visibile per una settimana, fino al 2 luglio, si accompagnava un'altra iniziativa ancora pi? spettacolare, che fu denominata "Sfida agli amministratori". Tutti i politici acquesi pi? in vista dell'epoca furono invitati ad un giro in carrozzella nel centro della citt? per vivere direttamente l'esperienza di coloro che in citt? dovevano muoversi appunto in carrozzella, ovviamente aiutati da altri perch? allora la circolazione autonoma per una carrozzella era pressoch? impossibile (con l'eccezione dell'isola pedonale).

Accettarono quasi tutti, e cos? nel pomeriggio del 25 fu compiuta la passeggiata su carrozzelle messe a disposizione dalla ditta Sanitas e condotte dai volontari del GVA e dell'ANFFAS e dagli obiettori di coscienza della Caritas Diocesana, il tutto con un po' di paura dei passeggeri e un bel po' di meraviglia da parte dei passanti. Durante il percorso, un obiettore della Caritas illustrava le caratteristiche di accessibilit?, immancabilmente negative, dei diversi luoghi.

Non era un caso che fosse un obiettore della Caritas ad avere questo ruolo. L'interesse del GVA per le barriere infatti non nasceva dal nulla, ma originava dagli stimoli offerti dagli obiettori della Caritas, che nel marzo 1988 avevano avviato un completo censimento delle barriere architettoniche ad Acqui: si tratt? di un lavoro piuttosto impressionante perch? comport? la descrizione e la misurazione di ogni singola barriera esistente in tutte le vie (anche le pi? piccole) ed edifici pubblici di Acqui (le schede sono consultabili nella biblioteca del GVA, anche se ovviamente spesso non corrispondono pi? alla situazione di oggi). Il censimento fu condotto da un solo obiettore (quello che poi fece da cicerone durante la manifestazione) tra il marzo e il settembre 1988, mentre nel periodo successivo ci lavorarono diversi altri obiettori fino alla presentazione del lavoro, che fu organizzata dal GVA il 25 marzo 1990. In quell'occasione fu nuovamente allestita la mostra fotografica dell'anno prima.

Altre mostre fotografiche, aggiornate, furono allestite nel 1993 e 1997 per mostrare per? non pi? solo le barriere ma anche i miglioramenti dell'accessibilit?. La situazione infatti era ormai cambiata, e parlare di barriere era sempre meno una novit? e sempre pi? un fatto consueto.

Oggi non siamo pi? nella condizione degli anni '80, e molti luoghi e strutture sono accessibili, ma non tutti: per il volontariato non si tratta quindi pi? di fare iniziative d'urto, che non stupirebbero pi? nessuno o quasi, perlomeno se realizzate nella forma di vent'anni fa, ma di lavorare sui dettagli - che poi sono quelli che guastano tutto perch? in un percorso basta un solo punto non accessibile per rendere inaccessibile l'intero percorso, cercando di intervenire sui singoli problemi di accessibilit? in modo costante e documentato.

L'iniziativa del 1989 rimane comunque un esempio di azione del volontariato non consolatoria e pietistica, ma di denuncia e mobilitazione concreta e senza retorica che ancora oggi pu? ben servire da modello.


Navigate through the articles
Previous article Pannelli indicatori nelle stazioni Stazioni scivolose Next article
Rating 0/5
Rating: 0/5 (0 votes)
Votes are disable!
The comments are owned by the author. We aren't responsible for their content.
FREE SOFTWARE

WE SUPPORT FREE SOFTWARE. THIS SITE IS FULLY BASED UPON FREE SOFTWARE (Linux, PHP, MySQL, Xoops and so on)

Counter since march 7th, 2008
Today : 17
Yesterday : 42
Total : 137256
Average : 31