Il governo taglia i posti letto! - Sanità, assistenza, politiche sociali - Documenti - Articoli - Saggi / Documents - Articles - Essays
License - Creative Commons
Creative Commons License
Il contenuto di questo sito, se non diversamente specificato, è pubblicato sotto una / The content of this site, if not otherwise stated, is published under a Licenza Creative Commons / Creative Commons License - Attribution - Share alike. CC doesn't necessarily apply to external content incorporated into the site, e.g. RSS feeds.
Login
Username:

Password:

Remember me



Lost Password?

Register now!
Themes

(5 themes)

Il governo taglia i posti letto!

Published by beppe on 09-Jul-2012 21:00 (629 reads)

Migliaia di tagli per i posti letto nel decreto del governo

Il recente decreto del governo Monti sulla cosiddetta spending review prevede tra l'altro il taglio di migliaia di posti letto negli ospedati.

Era stato annunciato come un intervento sui meccanismi di spesa che doveva eliminare sprechi ed inefficienze, ed invece ecco il puro e semplice taglio dei servizi (anche oggi in un'intervista che ho sentito al TG1 il ministro Balduzzi ha avuto il coraggio di negarlo), poiché per i reazionari ultraliberisti qualunque servizio pubblico è di per sé uno spreco. Nella pubblica amministrazione ci sarebbero certamente ampi spazi per tagliare senza alcuna ripercussione sui servizi ai cittadini (anzi, con benefici perché verrebbero liberate risorse aggiuntive), ma chissa perché proprio quei posti letti sono stati identificati come sprechi indipendentemente da tutte le altre considerazioni,

Dal nostro punto di vista, è poi di particolare rilievo il fatto che di questi tagli faranno le spese soprattutto i lungodegenti, perché probabilmente più difficilmente verrano buttati sulla strada i casi acuti, mentre un vecchio non autosufficiente lasciato senza cure fa meno notizia.

Appare sempre più evidente quindi una strategia di distruzione dello stato sociale (del resto questa sera sempre al TG1 quagliariello del pdl ha detto espressamente che lo stato sociale del '900 è finito e che oggi quello che importa è lo sviluppo e il taglio delle tasse - sottinteso ai ricchi), che legittima anzi l'ipotesi che la crisi sia provocata e sostenuta artificialmente appunto allo scopo di abbattere lo stato sociale e le conquiste dei lavoratori.


Navigate through the articles
Previous article Affermazioni di Cota sulla competenza regionale in materia di assistenza Politiche fiscali e politiche sociali Next article
Rating 0/5
Rating: 0/5 (0 votes)
Votes are disable!
The comments are owned by the author. We aren't responsible for their content.
FREE SOFTWARE

WE SUPPORT FREE SOFTWARE. THIS SITE IS FULLY BASED UPON FREE SOFTWARE (Linux, PHP, MySQL, Xoops and so on)

Counter since march 7th, 2008
Today : 58
Yesterday : 66
Total : 132729
Average : 31