Gravi difetti della Delibera della Giunta Regionale sulle RSA a domicilio - Sanità - Notizie/News
License - Creative Commons
Creative Commons License
Il contenuto di questo sito, se non diversamente specificato, è pubblicato sotto una / The content of this site, if not otherwise stated, is published under a Licenza Creative Commons / Creative Commons License - Attribution - Share alike. CC doesn't necessarily apply to external content incorporated into the site, e.g. RSS feeds.
Login
Username:

Password:

Remember me



Lost Password?

Register now!
Themes

(5 themes)

Gravi difetti della Delibera della Giunta Regionale sulle RSA a domicilio

Posted by beppe on 2016/6/24 21:50:00 (322 reads) News by the same author Sanità
La Giunta Regionale del Piemonte ha approvalo la Delibera 34-3309 del 16 maggio 2016 sulle cure domiciliari, che istituisce le cosiddette "RSA a domicilio".

La Giunta Regionale del Piemonte ha approvalo la Delibera 34-3309 del 16 maggio 2016 sulle cure domiciliari, che istituisce le cosiddette "RSA a domicilio".

Sarà in grado questa Delibera di imprimere una svolta alle cure domiciliari alle persone non autosufficienti? Conviene ricordare che l'argomento è di grande rilievo perché molte persone affrontano gravi sacrifici (ai quali non sono tenute dal punto di vista giuridico) per tenere al suo domicilioun familiare non autosufficiente a cui, in base ai LEA - Livelli Essenziali di Assistenza, il Servizio Sanitario Nazionale è tenuto a garantire cure in regime domiciliare o residenziale (anche se spesso cerca di non farlo). Così facendo queste persone fanno risparmiare al SSN le costose rette delle RSA garantendo al contempo una vita migliore per il familiare ammalato, e quindi andrebbero sostenute, mentre spesso ora sono abbandonate a se stesse.

Ovviamente la logica del sostenere le cure domiciliari e il volontariato intrafamiliare (dove le condizioni del malato e della famiglia lo permettono) anche perché fa risparmiare ha senso se si parte dal presupposto che in un modo o nell'altro le cure si debbano dare, se invece l'idea è quella di tagliare le cure il più possibile evidentemente cade del tutto. Chissa su quale dei due versanti stanno l'assessore regionale alla sanità Saitta, Renzi e il PD? Io qualche idea ce l'avrei ...

Tornando alla DGR 34-3309, essa prevede che le RSA possano (ma senza essere obbligate) fornire, a spese delle ASL, prestazioni a domicilio, che si concretizzano in ore di lavoro di determinate figure professionali entro un budget massimo che, per i casi di maggior bisogno arriva ad € 800 mensili.

Ora, se qualcuno riesce ad ottenere qualcosa di utile da questa Delibera non saremo certo noi a dirgli che non deve farlo, ma non c'è dubbio che essa è gravemente insufficiente rispetto alle esigenze per vari motivi:

- non riconosce diritti esigibili e propone un'organizzazione inadatta ad un servizio universalistico già solo per il fatto che presuppone la libera adesione delle RSA, che potrebbe anche non esserci

- prevede interventi di gran lunga inferiori alle esigenze (un numero limitato di ore mensili di figure specialistiche, quando un malato non autosufficiente ha bisogno di assistenza continua)

- è discriminatoria perché si rivolge solo agli anziani e non a tutte le persone non autosufficienti, che possono essere anche giovani

- prevede tempi inaccettabili (anche mesi) per l'erogazione del servizio, considerato che esso si rivolge a persone non autosufficienti

- introduce in un servizio sanitario elementi tipicamente assistenziali come la valutazione delle condizioni economiche (che sarebbe invece appropriata se si trattasse di prevedere, oltre a quelli sanitari, interventi assistenziali per i soggetti in difficoltà economiche), anche se bisogna riconoscere che almeno è abbastanza chiaro un impianto complessivo di carattere sanitario

- non prevede un accordo formale con i parenti

- è inutile ai fini dell'applicazione della L.R. 10/2010, che prevede una migliore organizzazione e maggiori garanzie per i malati (almeno potenzialmente, perché poi potrebbero essere adottati provvedimenti attuativi che ne vanificano i pregi, e la DGR 3309 potrebbe già essere un esempio).

Va detto che questa Delibera non pretende di rappresentare un ordinamento complessivo delle cure domiciliari, quindi in teoria potrebbero seguire altri atti che coprono i casi da essa non previsti, ad esempio quello in cui nessuna RSA aderisce, oppure le cure per i non autosufficienti che non sono anziani, ma visti i tempi e l'andamento generale della politica regionale nel settore, ci sono motivi più che buoni per dubitarne.
Rating: 0.00 (0 votes) - Rate this News -
Printer Friendly Page Send this Story to a Friend Create a PDF from the article
Other articles
2018/11/9 21:46:17 - Alleanza per la tutela della non autosufficienza
2018/11/9 21:00:00 - Appello contro il Disegno di Legge della Giunta Regionale sul fondo socio-sanitario (AGGIORNAMENTO A NOVEMBRE 2018)
2018/7/25 21:20:00 - Gravi difetti nel sito della Regione Piemonte sulla disabilità
2018/4/27 22:29:32 - Apre ad Acqui l'Alzheimer Cafè: è davvero una buona notizia?
2018/4/18 22:30:00 - Gravi rischi per i malati nel piano regionale per la cronicità
2018/4/13 21:40:00 - Gravi intimidazioni verso chi difende i diritti dei malati
2018/4/11 21:14:31 - Omicidio di una anziana malata di Alzheimer e suicidio del suo compagno
2017/11/12 22:00:00 - Buona e cattiva informazione sul "dopo di noi"
2017/9/14 21:21:28 - Prima riunione sulle barriere architettoniche
2017/6/2 22:51:13 - Ricorso contro i Nuovi LEA!
2017/5/21 18:00:00 - Due sentenze a difesa dei diritti dei disabili
2017/5/19 15:18:08 - Anche il GVA aderisce alla piattaforma di Libera Acqui Terme
2017/2/27 21:40:00 - Convegno sul "dopo di noi"- Torino, 23 marzo 2017
2017/1/5 21:20:00 - AGGIORNATO - Lettera al Comune di Acqui sulle barriere architettoniche
2016/12/28 21:50:00 - Sulla delibera del comune di Acqui "Un aiuto nel rispetto della dignità tricolore"
2016/11/27 21:10:26 - Coordinamento interregionale per il diritto alle cure sanitarie e socio-sanitarie degli anziani malati cronici non autosufficienti e delle persone con demenza senile
2016/11/17 21:10:00 - AGGIORNATO - Gravi problemi nelle comunicazioni dell'Unità Valutativa Geriatrica
2016/11/2 22:21:25 - Lettera a Chiamparino sui malati/disabili non autosufficienti
2016/8/15 21:30:00 - AGGIORNATO - Perché la legge sul "dopo di noi" è un imbroglio
2016/8/3 21:11:55 - Dichiarazione di Cittadinanzattiva sui Nuovi LEA
2016/7/28 21:40:00 - Quesiti all'ASL sui centri diurni per disabili
2016/7/24 22:10:00 - Lettera a Governo e Parlamento sui Nuovi Lea
2016/6/24 21:50:00 - Gravi difetti della Delibera della Giunta Regionale sulle RSA a domicilio
2016/6/15 22:29:21 - Appello al Presidente del Consiglio
2016/5/31 22:06:15 - Commenti sul seminario Alzheimer del 26 maggio
2016/5/31 21:21:27 - Richiesta di informazioni all'ASL sui centri diurni per disabili
2016/3/24 21:41:08 - Un'altra cattiva proposta di legge
2016/3/11 21:00:00 - AGGIORNATO - Problemi con l'accesso all'Unità Valutativa Geriatrica nell'ASL AL?
2016/2/5 22:10:00 - Convegno su disabilità intellettiva e autismo, Torino 4 marzo 2016
2015/12/20 16:07:04 - Nuova pericolosa sentenza del Consiglio di Stato
Bookmark this article at these sites
Bookmark to Blinklist Bookmark to del.icio.us Bookmark to Digg Bookmark to Fark Bookmark to Furl Bookmark to Newsvine Bookmark to Reddit Bookmark to Simpy Bookmark to Spurl Bookmark to Yahoo Bookmark to Balatarin Bookmark to Faceboom Bookmark to Twitter Bookmark to Scripstyle Bookmark to Stumble Bookmark to Technorati Bookmark to Mixx Bookmark to Myspace Bookmark to Designfloat Bookmark to Google Plus Bookmark to Google Reader Bookmark to Google Bookmarks
FREE SOFTWARE

WE SUPPORT FREE SOFTWARE. THIS SITE IS FULLY BASED UPON FREE SOFTWARE (Linux, PHP, MySQL, Xoops and so on)

Counter since march 7th, 2008
Today : 5
Yesterday : 23
Total : 109752
Average : 28