AGGIORNATO - Perché la legge sul "dopo di noi" è un imbroglio - Assistenza - Notizie/News
License - Creative Commons
Creative Commons License
Il contenuto di questo sito, se non diversamente specificato, è pubblicato sotto una / The content of this site, if not otherwise stated, is published under a Licenza Creative Commons / Creative Commons License - Attribution - Share alike. CC doesn't necessarily apply to external content incorporated into the site, e.g. RSS feeds.
Login
Username:

Password:

Remember me



Lost Password?

Register now!
Themes

(5 themes)
Assistenza : AGGIORNATO - Perché la legge sul "dopo di noi" è un imbroglio
Posted by beppe on 2016/8/15 21:30:00 (136 reads) News by the same author

Avete sentito parlare bene della Legge 112/2016, cosiddetta sul "dopo di noi", recentemente approvata dal Parlamento? Vi spieghiamo perché non dovete credere a questi giudizi.

Il commento seguente era stato originariamente scritto con riferimento al progetto di legge sul "dopo di noi", che in seguito è stato approvato senza modifiche dal Parlamento come Legge 22 giugno 2016 Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare. Di conseguenza il commento purtroppo è ancora pienamente valido.

Ultimamente si è parlato parecchio della cosiddetta legge sul "dopo di noi" (Legge 112/2016) sull'assistenza ai disabili gravi privi di sostegno familiare, e da molte parti (ad esempio sul sito dell'ANFFAS nazionale) se ne è parlato in termini positivi, come se si trattasse di un passo decisivo verso il riconoscimento dei diritti di queste persone, diritti che invece prima non sarebbero stati riconosciuti da alcuna norma.

Ma in realtà le cose non stanno proprio così, e diverse associazioni, tra cui naturalmente noi del GVA, non sono cadute nella trappola di tutta questa propaganda e hanno potuto facilmente dimostrare che questa proposta di legge è una mistificazione o poco più.

Per quanto riguarda i commenti, una approfondita analisi critica, che anche noi condividiamo, è stata compiuta dal CSA - Coordinamento Sanità e Assistenza tra i movimenti di base - di Torino che l'ha inviata al Senato e al Governo.

Le nostre considerazioni, pure del tutto critiche e di analogo tenore, sono sintetizzate nel testo che segue. Anche noi le abbiamo comunicate al Senato e al Governo, e abbiamo mandato anche una nota al presidente nazionale dell'ANFFAS che ha espresso giudizi favorevoli che riteniamo molto superficiali. Ad entrambe le comunicazioni non abbiamo ancora avuto risposta.

La legge merita, come dicevamo, un giudizio fortemente negativo perché interviene in una materia in cui i diritti dei soggetti interessati sono già assicurati dalla legge, ed in particolare dall'art. 32 della Costituzione, dalla Legge 833/1978 sul Servizio Sanitario Nazionale e, in modo più diretto, dai LEA - Livelli Essenziali di Assistenza (sanitaria), previsti dal DPCM 29/11/2001 cogente ai sensi dell'art. 54 della Legge 289/2002, che garantiscono l'assistenza domiciliare o residenziale ai malati non autosufficienti. Queste norme prevedono prestazioni obbligatorie da parte del Servizio Sanitario Nazionale, e di conseguenza diritti esigibili per i cittadini.

Il progetto di legge sul dopo di noi contiene disposizioni scoordinate rispetto a tale normativa, e quel che è peggio tali da non riconoscere ai cittadini alcun reale diritto in più rispetto a quelli già esistenti, perché le prestazioni previste operano solo nei limiti della dotazione finanziaria stabilita, e di conseguenza possono essere negate quando la dotazione si esaurisce. L'uso di tale fondo appare inoltre diretto in misura preminente o comunque sostanziale a soggetti privati, delineando una sorta di privatizzazione del settore, e lasciando, in sede di applicazione, una discrezionalità così ampia che fa sorgere seri rischi di elargizioni clientelari, mentre si sarebbero quanto meno dovuto individuare come soggetti attuatori principalmente ASL e Comuni, ossia le istituzioni responsabili di sanità e assistenza.

Ma soprattutto, invece di approvare nuove leggi di questo genere si dovrebbe curare l'applicazione di quelle esistenti, in primo luogo finanziandole adeguatamente, invece di tagliare le risorse assegnate alla sanità o di usarle in modo irrazionale, e poi evitando di negare o differire arbitrariamente le prestazioni richieste (che peraltro alcuni non richiedono, non conoscendo i loro diritti). Ovviamente c'è spazio anche per migliorare tali norme ampliandone o precisandone l'applicazione e definirne meglio i collegamenti con altri tipi di servizi; approvare una nuova legge come se finora non ci fosse alcuna tutela per le persone non autosufficienti è invece una mistificazione che serve ai politici per presentarsi come i salvatori dei disabili, mentre curare solo l'applicazione di leggi esistenti è meno redditizio dal punto di vista propagandistico.

È invece da temere l'approvazione di questa legge, anche se nell'immediato non modifica i diritti riconosciuti dalle leggi preesistenti, voglia inaugurare il passaggio da un regime di diritti soggettivi riconosciuti ai soggetti più deboli come appunto i malati non autosufficienti, ad un regime di elargizioni sostanzialmente discrezionali e a gestione largamente privatizzata.

Talvolta sembra che alcuni esprimano fastidio per il fatto che i LEA siano una normativa di carattere sanitario, dimenticando che questo è innanzitutto oggettivamente giustificato (non si capisce come possa qualcuno in perfetta salute non essere autosufficiente) e, almeno nell'attuale ordinamento, è ciò che garantisce la sussistenza di diritti esigibili, ma non significa minimamente - come qualcuno sembra pensare - che la loro attuazione sia da dare per scontata e meno ancora che essa si identifichi con l'istituzionalizzazione, come se si trattasse di chiudere tutti i disabili in ospedale e attaccarli ad una flebo; viceversa, possono e devono essere previste prestazioni diverse a seconda delle esigenze e delle situazioni, privilegiando sempre, quando possibile, la permanenza del soggetto al proprio domicilio, o almeno il ricovero in strutture diverse dai vecchi istituti e che non determinino l'isolamento sociale del soggetto; è interessante osservare che la Regione Piemonte ha approvato una buona legge (la numero 10/2010) sull'assistenza domiciliare, ma le giunte che si sono poi succedute (di centrodestra e di centrosinistra) si sono ben guardate dall'approvarne il regolamento applicativo.

E' poi ovvio che rivendicare il riconoscimento di diritti previsti in ambito sanitario non vuol dire negare esigenze e diritti di diversa natura, ad esempio la mobilità e l'abbattimento delle barriere architettoniche oppure l'accesso ai servizi culturali per coloro che sono in grado di fruirne.

Rating: 0.00 (0 votes) - Rate this News -
Printer Friendly Page Send this Story to a Friend Create a PDF from the article
Other articles
2017/2/27 21:40:00 - Convegno sul "dopo di noi"- Torino, 23 marzo 2017
2017/1/5 21:20:00 - AGGIORNATO - Lettera al Comune di Acqui sulle barriere architettoniche
2016/12/28 21:50:00 - Sulla delibera del comune di Acqui "Un aiuto nel rispetto della dignità tricolore"
2016/11/27 21:10:26 - Coordinamento interregionale per il diritto alle cure sanitarie e socio-sanitarie degli anziani malati cronici non autosufficienti e delle persone con demenza senile
2016/11/17 21:10:00 - AGGIORNATO - Gravi problemi nelle comunicazioni dell'Unità Valutativa Geriatrica
2016/11/2 22:21:25 - Lettera a Chiamparino sui malati/disabili non autosufficienti
2016/8/15 21:30:00 - AGGIORNATO - Perché la legge sul "dopo di noi" è un imbroglio
2016/8/3 21:11:55 - Dichiarazione di Cittadinanzattiva sui Nuovi LEA
2016/7/28 21:40:00 - Quesiti all'ASL sui centri diurni per disabili
2016/7/24 22:10:00 - Lettera a Governo e Parlamento sui Nuovi Lea
2016/6/24 21:50:00 - Gravi difetti della Delibera della Giunta Regionale sulle RSA a domicilio
2016/6/15 22:29:21 - Appello al Presidente del Consiglio
2016/5/31 22:06:15 - Commenti sul seminario Alzheimer del 26 maggio
2016/5/31 21:21:27 - Richiesta di informazioni all'ASL sui centri diurni per disabili
2016/3/24 21:41:08 - Un'altra cattiva proposta di legge
2016/3/11 21:00:00 - AGGIORNATO - Problemi con l'accesso all'Unità Valutativa Geriatrica nell'ASL AL?
2016/2/5 22:10:00 - Convegno su disabilità intellettiva e autismo, Torino 4 marzo 2016
2015/12/20 16:07:04 - Nuova pericolosa sentenza del Consiglio di Stato
2015/12/2 22:00:00 - Un sito bello e originale ma ...
2015/9/30 22:10:00 - Iniziativa FISH: Racconta la tua storia
2015/8/25 22:01:28 - Negativa la nuova legge sull'autismo
2015/8/25 21:42:00 - Ricorso contro la Delibera della Giunta Regionale del Piemonte n. 18-1326/2015
2015/8/25 21:16:21 - Le note sono sette, Acqui Terme 30.8.2015 ore 19,30
2015/7/13 21:35:46 - No al Patto per il sociale della Regione Piemonte
2015/7/7 23:23:28 - Costituto ad Acqui il Gruppo Associazioni di Volontariato (GAV)
2015/5/28 21:40:00 - Appello per il ritiro della DGR 18-1326/2015 in materia di assistenza ai non autosufficienti
2015/4/22 22:30:00 - Gravissimo: la Regione ricorre al Consiglio di Stato!
2015/4/13 22:00:00 - Lettera dell'ANCI agli assessori della Regione Piemonte sulle cure domiciliari
2015/3/22 22:20:00 - Pericolosa sentenza del Consiglio di Stato
2015/3/11 21:40:00 - Parzialmente cancellato il nuovo ISEE
Bookmark this article at these sites
Bookmark to Blinklist Bookmark to del.icio.us Bookmark to Digg Bookmark to Fark Bookmark to Furl Bookmark to Newsvine Bookmark to Reddit Bookmark to Simpy Bookmark to Spurl Bookmark to Yahoo Bookmark to Balatarin Bookmark to Faceboom Bookmark to Twitter Bookmark to Scripstyle Bookmark to Stumble Bookmark to Technorati Bookmark to Mixx Bookmark to Myspace Bookmark to Designfloat Bookmark to Google Plus Bookmark to Google Reader Bookmark to Google Bookmarks
FREE SOFTWARE

WE SUPPORT FREE SOFTWARE. THIS SITE IS FULLY BASED UPON FREE SOFTWARE (Linux, PHP, MySQL, Xoops and so on)

Counter since march 7th, 2008
Today : 24
Yesterday : 26
Total : 97102
Average : 30