No al Patto per il sociale della Regione Piemonte - Assistenza - Notizie/News
License - Creative Commons
Creative Commons License
Il contenuto di questo sito, se non diversamente specificato, è pubblicato sotto una / The content of this site, if not otherwise stated, is published under a Licenza Creative Commons / Creative Commons License - Attribution - Share alike. CC doesn't necessarily apply to external content incorporated into the site, e.g. RSS feeds.
Login
Username:

Password:

Remember me



Lost Password?

Register now!
Themes

(5 themes)
Assistenza : No al Patto per il sociale della Regione Piemonte
Posted by beppe on 2015/7/13 21:35:46 (206 reads) News by the same author

Una valutazione negativa del GVA sui documenti regionali a proposito del nuovo Patto per il sociale che la Regione Piemonte sta elaborando.

Il GVA ha potuto prendere visione dei documenti prodotti dalla Regione Piemonte nell'ambito dell'elaborazione del nuovo Patto per il sociale, cioè il piano regionale del settore socioassistenziale, e poiché le associazioni potevano presentare le loro osservazioni all'assessorato, l'abbiamo fatto anche noi scrivendo il 7 luglio scorso quanto segue:


Abbiamo avuto modo di prendere visione della documentazione relativa all'elaborazione del Patto per il sociale, e desideriamo esporre le nostre gravi perplessità per quanto abbiamo potuto leggere. Ci riferiamo essenzialmente ai principi generali e al settore dell'integrazione socio-sanitaria, poiché altri argomenti sono in misura maggiore o minore al di fuori delle nostre competenze.

L'impostazione complessiva appare quella di una sorta di "ritirata" della sanità, che viene più o meno implicitamente riconosciuta incapace di soddisfare i bisogni di cittadini che a quanto pare - secondo la Regione - possono essere disabili o anziani non autosufficienti ma senza essere malati, tanto che non c'è alcun cenno ai diritti riconosciuti ai malati stessi dalla legislazione sanitaria (L. 833/1978 e LEA), tuttora in vigore, come riconosciuto dalla stessa sentenza 604/2015 del Consiglio di Stato. A ciò sembra fare riscontro l'idea di spostare gli oneri sulla assistenza, che però ha risorse di gran lunga inferiori e un quadro normativo che garantisce molto meno gli utenti: non si vede come l'assistenza possa fare fronte a queste esigenze, se non tagliando servizi, negando diritti esigibili e spostando maggiori oneri a carico degli utenti, magari utilizzando l'ISEE (come sembra intendesse suggerire anche l'Assessore Ferrari nel suo intervento del 2 luglio ad Acqui).

Per quanto i documenti esaminati contengano anche affermazioni condivisibili, riteniamo la loro impostazione d'insieme tanto difettosa da rendere necessario ritirare il piano ed elaborarne uno nuovo basato su criteri più corretti.

Con ciò non intendiamo certamente affermare che l'affermazione di diritti riconosciuti sul piano etico e giuridico determini da sola le condizioni per la loro attuazione, quasi che organizzazione e risorse fossero aspetti irrilevanti: tutto all'opposto, riteniamo centrale il tema economico, ma non nel senso che il modello di welfare affermatosi soprattutto in Europa nel secondo dopoguerra sia definitivamente superato per non si sa quale necessità, come sostiene l'ideologia neoliberista, bensì nel senso che è necessario sostenere modelli economici che includano il welfare, attraverso appropriati criteri di gestione della tassazione e del debito pubblico. Anche il recente referendum greco può essere una spinta in questa direzione. In Italia le regioni avrebbero la possibilità almeno di cercare di sostenere sul piano politico un diverso modello economico, anziché adattarsi (volentieri?) a scaricare sui cittadini,soprattutto sui più deboli, le conseguenze dei vincoli di bilancio imposti dal modello dominante, ed in particolare non ci pare che lo stia facendo la Regione Piemonte.


Anche il CSA di Torino ha inviato alla Regione un documento fortemente negativo, più ampio del nostro e che prende in esame anche settori su cui noi non abbiamo competenza, come l'adozione, ma che non è ancora stato pubblicato.

I documenti regionali, che sono bozze e non atti definitivi, per quanto ci risulta non sono ancora stati resi ufficialmente disponibili al pubblico, ma abbiamo trovato il testo qui. Non abbiamo però verificato se questa versione di febbraio è identica alle bozze che abbiamo visto.

Rating: 0.00 (0 votes) - Rate this News -
Printer Friendly Page Send this Story to a Friend Create a PDF from the article
Other articles
2017/1/5 21:20:00 - AGGIORNATO - Lettera al Comune di Acqui sulle barriere architettoniche
2016/12/28 21:50:00 - Sulla delibera del comune di Acqui "Un aiuto nel rispetto della dignità tricolore"
2016/11/27 21:10:26 - Coordinamento interregionale per il diritto alle cure sanitarie e socio-sanitarie degli anziani malati cronici non autosufficienti e delle persone con demenza senile
2016/11/17 21:10:00 - AGGIORNATO - Gravi problemi nelle comunicazioni dell'Unità Valutativa Geriatrica
2016/11/2 22:21:25 - Lettera a Chiamparino sui malati/disabili non autosufficienti
2016/8/15 21:30:00 - AGGIORNATO - Perché la legge sul "dopo di noi" è un imbroglio
2016/8/3 21:11:55 - Dichiarazione di Cittadinanzattiva sui Nuovi LEA
2016/7/28 21:40:00 - Quesiti all'ASL sui centri diurni per disabili
2016/7/24 22:10:00 - Lettera a Governo e Parlamento sui Nuovi Lea
2016/6/24 21:50:00 - Gravi difetti della Delibera della Giunta Regionale sulle RSA a domicilio
2016/6/15 22:29:21 - Appello al Presidente del Consiglio
2016/5/31 22:06:15 - Commenti sul seminario Alzheimer del 26 maggio
2016/5/31 21:21:27 - Richiesta di informazioni all'ASL sui centri diurni per disabili
2016/3/24 21:41:08 - Un'altra cattiva proposta di legge
2016/3/11 21:00:00 - AGGIORNATO - Problemi con l'accesso all'Unità Valutativa Geriatrica nell'ASL AL?
2016/2/5 22:10:00 - Convegno su disabilità intellettiva e autismo, Torino 4 marzo 2016
2015/12/20 16:07:04 - Nuova pericolosa sentenza del Consiglio di Stato
2015/12/2 22:00:00 - Un sito bello e originale ma ...
2015/9/30 22:10:00 - Iniziativa FISH: Racconta la tua storia
2015/8/25 22:01:28 - Negativa la nuova legge sull'autismo
2015/8/25 21:42:00 - Ricorso contro la Delibera della Giunta Regionale del Piemonte n. 18-1326/2015
2015/8/25 21:16:21 - Le note sono sette, Acqui Terme 30.8.2015 ore 19,30
2015/7/13 21:35:46 - No al Patto per il sociale della Regione Piemonte
2015/7/7 23:23:28 - Costituto ad Acqui il Gruppo Associazioni di Volontariato (GAV)
2015/5/28 21:40:00 - Appello per il ritiro della DGR 18-1326/2015 in materia di assistenza ai non autosufficienti
2015/4/22 22:30:00 - Gravissimo: la Regione ricorre al Consiglio di Stato!
2015/4/13 22:00:00 - Lettera dell'ANCI agli assessori della Regione Piemonte sulle cure domiciliari
2015/3/22 22:20:00 - Pericolosa sentenza del Consiglio di Stato
2015/3/11 21:40:00 - Parzialmente cancellato il nuovo ISEE
2015/2/9 22:00:00 - Il TAR accoglie il ricorso delle associazioni contro le delibere regionali sulle cure domiciliari
Bookmark this article at these sites
Bookmark to Blinklist Bookmark to del.icio.us Bookmark to Digg Bookmark to Fark Bookmark to Furl Bookmark to Newsvine Bookmark to Reddit Bookmark to Simpy Bookmark to Spurl Bookmark to Yahoo Bookmark to Balatarin Bookmark to Faceboom Bookmark to Twitter Bookmark to Scripstyle Bookmark to Stumble Bookmark to Technorati Bookmark to Mixx Bookmark to Myspace Bookmark to Designfloat Bookmark to Google Plus Bookmark to Google Reader Bookmark to Google Bookmarks
FREE SOFTWARE

WE SUPPORT FREE SOFTWARE. THIS SITE IS FULLY BASED UPON FREE SOFTWARE (Linux, PHP, MySQL, Xoops and so on)

Counter since march 7th, 2008
Today : 8
Yesterday : 22
Total : 96665
Average : 30