Ordinanza del TAR Piemonte sulla DGR 45/2012 (assistenza agli anziani non autosufficienti) - Sanità - Notizie/News
License - Creative Commons
Creative Commons License
Il contenuto di questo sito, se non diversamente specificato, è pubblicato sotto una / The content of this site, if not otherwise stated, is published under a Licenza Creative Commons / Creative Commons License - Attribution - Share alike. CC doesn't necessarily apply to external content incorporated into the site, e.g. RSS feeds.
Login
Username:

Password:

Remember me



Lost Password?

Register now!
Themes

(5 themes)

Ordinanza del TAR Piemonte sulla DGR 45/2012 (assistenza agli anziani non autosufficienti)

Posted by beppe on 2012/12/7 22:40:00 (2189 reads) News by the same author Sanità
In seguito al ricorso presentato da alcune associazioni, il TAR Piemonte ha emanato una ordinanza che dichiara contrarie alla legge (ed in particolare alla normativa sui LEA) alcune disposizioni della DGR 45/2012, approvata nello scorso luglio dalla giunta Cota.

Di seguito riproduciamo il testo completo del comunicato stampa di Fondazione Promozione Sociale, ULCES e UTIM (qui il documento originale).

Si tratta di un pronunciamento molto importante, anche se non è ancora la sentenza vera e propria, che conferma la cogenza dei LEA e fornisce sostegno alle posizioni di coloro che si impegnano per i diritti dei più deboli.

In seguito a questa ordinanza la Direzione Politiche Sociali della Regione Piemonte ha emanato una circolare che sospende l'applicazione della norma oggetto di ricorso (mentre rimangono ferme le altre previsioni della DGR 45). Il testo si può leggere a questo link.


28 novembre 2012

Comunicato stampa

IL TAR DEL PIEMONTE DICHIARA ILLEGITTIME LE LISTE DI ATTESA PER LE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI E RICONOSCE IL DIRITTO ESIGIBILE ALLE PRESTAZIONI PREVISTE DAI
LEA (LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA)

Segnaliamo alla Vostra attenzione l’ordinanza n. 609/2012 del Tar del Piemonte del 21 novembre 2012, depositata in Segreteria il giorno successivo, concernente il
ricorso contro la delibera 45/2012 della Giunta della Regione Piemonte, presentato
dall’Associazione promozione sociale (editrice della rivista Prospettive assistenziali e del
notiziario Controcittà), dall’Ulces (Unione per la lotta contro l’emarginazione sociale) e
dall’Utim (Unione per la tutela degli insufficiente mentali), organizzazioni che fanno parte
del Csa (Coordinamento sanità e assistenza fra i movimenti di base) e che operano
secondo i principi del volontariato dei diritti.

La delibera della Regione Piemonte conteneva norme gravemente lesive delle esigenze
e dei diritti fondamentali degli anziani malati cronici non autosufficienti e delle persone
colpite dal morbo di Alzheimer o da altre forme di demenza senile.

Infatti nella delibera in oggetto era prevista la possibilità di inserire detti malati in liste di
attesa allo scopo di rinviare (magari per mesi o anni) le occorrenti prestazioni socio-
terapeutiche domiciliari e residenziali.

Attualmente dette liste di attesa riguardano oltre 30mila abitanti in Piemonte, colpiti da
patologie invalidanti e da non autosufficienza.

Inoltre la delibera 45/2012 stabiliva che, nei casi di ricovero provvisorio presso Rsa, le prestazioni venissero assicurate gratuitamente solo per 30 giorni, che per i successivi 30
giorni i degenti dovessero versare il 50% della retta e che – fatto gravissimo – scaduti i
60 giorni di cui sopra l’intero importo della retta fosse a carico dei ricoverati (da 90 a
106 euro al giorno)
.

Il Tar del Piemonte, con la sopra ricordata ordinanza n. 609/2012 ha stabilito – decisione
della massima importanza – che «l’istituzione di liste di attesa per la presa in carico
dell’anziano (liste di attesa previste nell’ipotesi in cui le risorse richieste dal Progettoindividualizzato non siano immediatamente disponibili» viola le norme relative alle
«prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza (decreto del Presidente del
Consigli dei Ministri del 29 novembre 2001, Allegato 1.C, punti 8 e 9), i quali devono
essere garantiti in modo uniforme su tutto il territorio nazionale»
.

Pertanto le liste di attesa sono illegali, per cui è confermato che gli anziani malati cronici non autosufficienti e le persone con demenza senile hanno il diritto pienamente
e immediatamente esigibile alle prestazioni residenziali socio-sanitarie. Ne consegue
che, nei casi di ricovero disposto dall’Asl, i degenti devono versare la quota alberghiera
(che non può essere superiore al 50% della retta totale) nell’ambito delle loro personali
risorse economiche (redditi e beni) senza alcun onere per i congiunti conviventi o non
conviventi.

Il pieno e immediato diritto esigibile degli anziani cronici non autosufficienti e delle
persone con demenza senile alle cure socio-sanitarie residenziali riconosciuto
dall’ordinanza del Tar del Piemonte n. 609/2012 può essere rivendicato in tutte le zone
del nostro Paese.

Il Tar ha altresì stabilito che dopo i 60 giorni di cui sopra, l’intera retta di ricovero deve
essere versata esclusivamente dalla persona che è diventata autosufficiente.

Il Tar ha stabilito che, se permane la situazione di non autosufficienza, dette persone
hanno il diritto esigibile di continuare a ricevere le prestazioni residenziali socio-
sanitarie, contribuendo anche in questo caso alle spese con le proprie personali risorse
economiche, senza alcun onere per i congiunti conviventi e non conviventi.

Per quanto riguarda i trasferimenti in ambulanza delle persone ricoverate presso le Rsa,
Residenze sanitarie assistenziali, per le prestazioni diagnostiche e specialistiche non
erogabili direttamente nell’ambito della struttura di ricovero, il Tar ha confermato che
sono a carico del Servizio sanitario solo quelli effettuati in regime di urgenza e quelli
rientranti nei livelli essenziali di assistenza. Occorre dunque richiedere che i medici delle
Asl precisino che i trasferimenti in ambulanza sono richiesti per prestazioni diagnostiche
e terapeutiche previste dai livelli essenziali di assistenza.

Segnaliamo inoltre che nell’ordinanza n. 609/2012 il Tar ha ricordato la precedente
ordinanza n. 381/2012 che, su ricorso presentato dalle stesse tre organizzazioni sopra
indicate, ha sancito l’illegittimità delle liste di attesa riguardanti la frequenza dei centri
diurni da parte dei soggetti con handicap intellettivo in situazione di gravità.

Ne deriva altresì la conferma del pieno e immediato diritto esigibile all’accoglienza
residenziale dei soggetti con handicap in situazione di gravità nei casi in cui, compresa
l’indisponibilità dei congiunti, non è più praticabile la permanenza a domicilio.

Per maggiori informazioni consultare il sito www.fondazionepromozionesociale.it in cui è
inserito il testo integrale dell’ordinanza n. 609/2012.
Rating: 0.00 (0 votes) - Rate this News -
Printer Friendly Page Send this Story to a Friend Create a PDF from the article
Other articles
2020/3/5 21:50:00 - Inquietanti intenzioni regionali sugli assegni di cura
2019/10/2 21:10:00 - Piattaforma del CSA alla Regione Piemonte
2018/11/9 21:46:17 - Alleanza per la tutela della non autosufficienza
2018/11/9 21:00:00 - Appello contro il Disegno di Legge della Giunta Regionale sul fondo socio-sanitario (AGGIORNAMENTO A NOVEMBRE 2018)
2018/7/25 21:20:00 - Gravi difetti nel sito della Regione Piemonte sulla disabilità
2018/4/27 22:29:32 - Apre ad Acqui l'Alzheimer Cafè: è davvero una buona notizia?
2018/4/18 22:30:00 - Gravi rischi per i malati nel piano regionale per la cronicità
2018/4/13 21:40:00 - Gravi intimidazioni verso chi difende i diritti dei malati
2018/4/11 21:14:31 - Omicidio di una anziana malata di Alzheimer e suicidio del suo compagno
2017/11/12 22:00:00 - Buona e cattiva informazione sul "dopo di noi"
2017/9/14 21:21:28 - Prima riunione sulle barriere architettoniche
2017/6/2 22:51:13 - Ricorso contro i Nuovi LEA!
2017/5/21 18:00:00 - Due sentenze a difesa dei diritti dei disabili
2017/5/19 15:18:08 - Anche il GVA aderisce alla piattaforma di Libera Acqui Terme
2017/2/27 21:40:00 - Convegno sul "dopo di noi"- Torino, 23 marzo 2017
2017/1/5 21:20:00 - AGGIORNATO - Lettera al Comune di Acqui sulle barriere architettoniche
2016/12/28 21:50:00 - Sulla delibera del comune di Acqui "Un aiuto nel rispetto della dignità tricolore"
2016/11/27 21:10:26 - Coordinamento interregionale per il diritto alle cure sanitarie e socio-sanitarie degli anziani malati cronici non autosufficienti e delle persone con demenza senile
2016/11/17 21:10:00 - AGGIORNATO - Gravi problemi nelle comunicazioni dell'Unità Valutativa Geriatrica
2016/11/2 22:21:25 - Lettera a Chiamparino sui malati/disabili non autosufficienti
2016/8/15 21:30:00 - AGGIORNATO - Perché la legge sul "dopo di noi" è un imbroglio
2016/8/3 21:11:55 - Dichiarazione di Cittadinanzattiva sui Nuovi LEA
2016/7/28 21:40:00 - Quesiti all'ASL sui centri diurni per disabili
2016/7/24 22:10:00 - Lettera a Governo e Parlamento sui Nuovi Lea
2016/6/24 21:50:00 - Gravi difetti della Delibera della Giunta Regionale sulle RSA a domicilio
2016/6/15 22:29:21 - Appello al Presidente del Consiglio
2016/5/31 22:06:15 - Commenti sul seminario Alzheimer del 26 maggio
2016/5/31 21:21:27 - Richiesta di informazioni all'ASL sui centri diurni per disabili
2016/3/24 21:41:08 - Un'altra cattiva proposta di legge
2016/3/11 21:00:00 - AGGIORNATO - Problemi con l'accesso all'Unità Valutativa Geriatrica nell'ASL AL?
Bookmark this article at these sites
Bookmark to Blinklist Bookmark to del.icio.us Bookmark to Digg Bookmark to Fark Bookmark to Furl Bookmark to Newsvine Bookmark to Reddit Bookmark to Simpy Bookmark to Spurl Bookmark to Yahoo Bookmark to Balatarin Bookmark to Faceboom Bookmark to Twitter Bookmark to Scripstyle Bookmark to Stumble Bookmark to Technorati Bookmark to Mixx Bookmark to Myspace Bookmark to Designfloat Bookmark to Google Plus Bookmark to Google Reader Bookmark to Google Bookmarks
FREE SOFTWARE

WE SUPPORT FREE SOFTWARE. THIS SITE IS FULLY BASED UPON FREE SOFTWARE (Linux, PHP, MySQL, Xoops and so on)

Counter since march 7th, 2008
Today : 22
Yesterday : 47
Total : 140829
Average : 31