Una strana lettera sull'erogazione degli ausili per incontinenza (aggiornamento al 29 aprile) - Assistenza - Notizie/News
License - Creative Commons
Creative Commons License
Il contenuto di questo sito, se non diversamente specificato, è pubblicato sotto una / The content of this site, if not otherwise stated, is published under a Licenza Creative Commons / Creative Commons License - Attribution - Share alike. CC doesn't necessarily apply to external content incorporated into the site, e.g. RSS feeds.
Login
Username:

Password:

Remember me



Lost Password?

Register now!
Themes

(5 themes)

Una strana lettera sull'erogazione degli ausili per incontinenza (aggiornamento al 29 aprile)

Posted by beppe on 2011/4/30 21:20:00 (957 reads) News by the same author Assistenza
Nei giorni scorsi gli utenti del servizio di erogazione degli ausili per incontinenza (pannoloni e traverse) a carico del Servizio Sanitario Nazionale hanno ricevuto una lettera piuttosto strana.

La lettera, su carta intestata dell'ASL AL, priva di data e protocollo, con firmatario indicato genericamente solo come Il responsabile del distretto, indica nuove norme per la fornitura degli ausili per incontinenza, cioè pannoloni e traverse, senza peraltro specificare le motivazioni del cambiamento.

Viene previsto che gli utenti possano scegliere tra la consegna domiciliare e il ritiro presso una farmacia, parafarmacia o negozio convenzionato di loro scelta, e che allo scopo non occorre la prescrizione del medico di famiglia. Viene inoltre stabilito che chi vuole variare il luogo di consegna da domicilio a farmacia deve recarsi al Distretto sanitario di competenza.

Fin qui le disposizioni possono anche considerarsi vantaggiose per gli utenti, permettendo la scelta tra diverse modalità di consegna.

Non si capisce però perché per ricevere a domicilio gli ausili ci si debba recare presso la farmacia/parafarmacia/negozio di fiducia, anche se già prima si usufruiva della consegna a domicilio: non si poteva prevedere che la consegna proseguisse con le modalità attuali se l'utente non chiede di cambiare? Tanto più che ora è previsto che la richiesta, presso la farmacia, vada rinnovata ogni tre mesi anche in assenza di variazioni, mentre questo prima non avveniva.

Dalla lettera sembra inoltre che le modalità di consegna possano essere variate da domicilio a farmacia, ma non al contrario, con danno per gli utenti che si trovassero nell'impossibilità di proseguire il ritiro in farmacia (potrebbe però anche essere solo un difetto di chiarezza della lettera).

Ma la cosa più strana e inquietante è questa: abbiamo saputo che alcuni utenti hanno telefonato al Distretto per chiarimenti, ed hanno ricevuto, da personale incaricato dell'assistenza protesica dell'ASL, istruzioni del tutto contrastanti con la lettera. Infatti è stato detto loro che la prescrizione medica è sempre necessaria e, cosa anche peggiore, che ogni utente deve presentarsi di persona al distretto per la pratica. Ci risulta che infatti all'ufficio competente ci sono lunghissime code di utenti del servizio.

Si tratta di un fatto grave, se si pensa che normalmente questo servizio è indirizzato a situazioni in cui si sono gravi necessità di assistenza, e molti utenti abitano fuori Acqui, quindi il disagio per doversi presentare all'ASL è fortissimo.

Non si capisce cosa sia successo: la lettera è mal scritta (sarebbe veramente grave!)? oppure l'ASL che dà a voce indicazioni sbagliate (altrettanto grave)? è disorganizzazione? o forse si vuole complicare la procedura sperando che qualche utente rinunci e quindi le necessità di fornitura diminuiscano, magari perché a Cota piace così?

Nei prossimi giorni cercheremo di saperne di più.

---

Il 4 aprile abbiamo parlato con un cortese impiegato dell'Ufficio Protesica del Distretto di Acqui, che ci ha fornito le seguenti informazioni:

1. Il rinnovo dell'ordine ogni tre mesi è stato previsto per cercare di evitare forniture eccessive rispetto alle reali necessità che in alcuni casi vengono mantenute solo perché l'utente non si preoccupa di segnalare la necessità della variazione. In questo modo si spera che gli utenti, dovendo comunque rinnovare l'ordine, segnalino anche eventuali variazioni.

2. La richiesta di presentarsi di persona all'ufficio (peraltro, come già osservato, non contenuta nella lettera) deriva dalla necessità di aggiornare l'anagrafica degli utenti che contiene molti errori, dovuti in particolare alle diverse ditte che negli anni hanno gestito il servizio.

3. Per quanto riguarda il fatto che la lettera citi la variazione di modalità di consegna da domicilio a farmacia e non la possibilità inversa, l'impiegato ha riconosciuto che la formulazione desta perplessità e che potrebbe essere la lettera scritta male, e ha chiesto di contattarlo tra qualche giorno per meglio informarsi; vi faremo sapere quanto prima.

A parte quest'ultimo punto, le spiegazioni non ci soddisfano affatto, ovviamente non certo per colpa dell'impiegato che ce le ha cortesemente fornite, ma per il carattere delle decisioni prese.

Per risolvere problemi certamente reali che derivano solo da una parte degli utenti nel caso del punto 1, e da fattori a loro del tutto estranei nel caso del punto 2 si è scelta la soluzione più penalizzante per la totalità degli utenti stessi, quasi che non potessero esserci soluzioni alternative, ad esempio richiedere i dati tramite questionari

----

In seguito il sempre cortese personale dell'Ufficio Protesica ci ha chiarito che il cambiamento delle modalità di consegna è possibile non solo da domicilio a farmacia, come indicato nella lettera, ma anche da farmacia a domicilio (il che conferma comunque che la lettera è mal scritta).

---

Poiché, come detto, le spiegazioni che ci sono state fornite non convincono affatto, il 29 aprile abbiamo mandato all'ASL AL (Distretto di Acqui) la lettera il cui testo riportiamo di seguito:


In seguito alla nostra comunicazione di pari oggetto del 14 marzo u.s. siamo stati contattati dall'Ufficio Protesica, che ci ha cortesemente fornito ampie spiegazioni in merito al contenuto della lettera e alle nuove disposizioni per gli utenti.

In particolare ci è stato spiegato che la necessità di confermare l'ordinazione ogni tre mesi deriva dal fatto che in alcuni casi l'utente non comunica le mutate necessità di fornitura, per cui si continua a fornire materiale non più utile, mentre la richiesta di presentarsi di persona presso gli uffici è motivata dalla presenza di numerosi errori nell'anagrafica degli utenti che è necessario correggere verificando i dati gli interessati.

Tali disposizioni suscitano a nostro parere moltissime perplessità. Non mettiamo certamente in dubbio che sussistano i problemi sopra indicati, ma per risolverli si è scelta la strada più penalizzante per gli utenti, imponendo loro nuovi adempimenti invece di sollevarli il più possibile, considerando che si tratta per lo più di persone che già devono affrontare gravi necessità e disagi.

Sarebbe stato possibile adottare soluzioni alternative, ad esempio fornire agli utenti moduli da compilare e restituire, riservandosi di convocare coloro che non avessero fornito risposta. La conferma dell'ordine avrebbe potuto essere richiesta ad intervalli maggiori di tre mesi e senza l'obbligo di effettuarla in farmacia o presso i fornitori convenzionati (desta peraltro particolare perplessità il fatto che in questo modo si siano coinvolti tali soggetti, presumibilmente con costi aggiuntivi per l'ASL, anche nei casi in cui prima l'utente non aveva rapporti con essi ai fini del servizio).

Riteniamo quindi necessario che l'ASL valuti la possibilità di rivedere tali disposizioni, per quanto dipende da essa.

Con l'occasione segnaliamo che alcuni utenti hanno manifestato riserve sulla qualità dei prodotti, con riferimento in particolare alle traverse Linidor.
Rating: 0.00 (0 votes) - Rate this News -
Printer Friendly Page Send this Story to a Friend Create a PDF from the article
Other articles
2020/3/5 21:50:00 - Inquietanti intenzioni regionali sugli assegni di cura
2019/10/2 21:10:00 - Piattaforma del CSA alla Regione Piemonte
2018/11/9 21:46:17 - Alleanza per la tutela della non autosufficienza
2018/11/9 21:00:00 - Appello contro il Disegno di Legge della Giunta Regionale sul fondo socio-sanitario (AGGIORNAMENTO A NOVEMBRE 2018)
2018/7/25 21:20:00 - Gravi difetti nel sito della Regione Piemonte sulla disabilità
2018/4/27 22:29:32 - Apre ad Acqui l'Alzheimer Cafè: è davvero una buona notizia?
2018/4/18 22:30:00 - Gravi rischi per i malati nel piano regionale per la cronicità
2018/4/13 21:40:00 - Gravi intimidazioni verso chi difende i diritti dei malati
2018/4/11 21:14:31 - Omicidio di una anziana malata di Alzheimer e suicidio del suo compagno
2017/11/12 22:00:00 - Buona e cattiva informazione sul "dopo di noi"
2017/9/14 21:21:28 - Prima riunione sulle barriere architettoniche
2017/6/2 22:51:13 - Ricorso contro i Nuovi LEA!
2017/5/21 18:00:00 - Due sentenze a difesa dei diritti dei disabili
2017/5/19 15:18:08 - Anche il GVA aderisce alla piattaforma di Libera Acqui Terme
2017/2/27 21:40:00 - Convegno sul "dopo di noi"- Torino, 23 marzo 2017
2017/1/5 21:20:00 - AGGIORNATO - Lettera al Comune di Acqui sulle barriere architettoniche
2016/12/28 21:50:00 - Sulla delibera del comune di Acqui "Un aiuto nel rispetto della dignità tricolore"
2016/11/27 21:10:26 - Coordinamento interregionale per il diritto alle cure sanitarie e socio-sanitarie degli anziani malati cronici non autosufficienti e delle persone con demenza senile
2016/11/17 21:10:00 - AGGIORNATO - Gravi problemi nelle comunicazioni dell'Unità Valutativa Geriatrica
2016/11/2 22:21:25 - Lettera a Chiamparino sui malati/disabili non autosufficienti
2016/8/15 21:30:00 - AGGIORNATO - Perché la legge sul "dopo di noi" è un imbroglio
2016/8/3 21:11:55 - Dichiarazione di Cittadinanzattiva sui Nuovi LEA
2016/7/28 21:40:00 - Quesiti all'ASL sui centri diurni per disabili
2016/7/24 22:10:00 - Lettera a Governo e Parlamento sui Nuovi Lea
2016/6/24 21:50:00 - Gravi difetti della Delibera della Giunta Regionale sulle RSA a domicilio
2016/6/15 22:29:21 - Appello al Presidente del Consiglio
2016/5/31 22:06:15 - Commenti sul seminario Alzheimer del 26 maggio
2016/5/31 21:21:27 - Richiesta di informazioni all'ASL sui centri diurni per disabili
2016/3/24 21:41:08 - Un'altra cattiva proposta di legge
2016/3/11 21:00:00 - AGGIORNATO - Problemi con l'accesso all'Unità Valutativa Geriatrica nell'ASL AL?
Bookmark this article at these sites
Bookmark to Blinklist Bookmark to del.icio.us Bookmark to Digg Bookmark to Fark Bookmark to Furl Bookmark to Newsvine Bookmark to Reddit Bookmark to Simpy Bookmark to Spurl Bookmark to Yahoo Bookmark to Balatarin Bookmark to Faceboom Bookmark to Twitter Bookmark to Scripstyle Bookmark to Stumble Bookmark to Technorati Bookmark to Mixx Bookmark to Myspace Bookmark to Designfloat Bookmark to Google Plus Bookmark to Google Reader Bookmark to Google Bookmarks
FREE SOFTWARE

WE SUPPORT FREE SOFTWARE. THIS SITE IS FULLY BASED UPON FREE SOFTWARE (Linux, PHP, MySQL, Xoops and so on)

Counter since march 7th, 2008
Today : 31
Yesterday : 72
Total : 137034
Average : 31